Le Sette Sorelle. Sette sono le gemme che brillano lungo la costa Adriatica in provincia di Teramo. Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto Lido, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto e Silvi Marina: le Sette Sorelle d’Abruzzo.

Quattro di queste sono unite dal Corridoio Verde Adriatico, che congiunge una pista ciclabile principalmente tra Alba Adriatica e Tortoreto ma che si prolunga a sud verso Giulianova e a nord verso Martinsicuro, e che permette di attraversare la costa senza fermarsi ammirando le bellezze di ogni città.

L’ordine di “apparizione” delle sette sorelle è dettato dall’ubicazione delle stesse che va da nord a sud. Per prima Martinsicuro, che apre le porte all’Abruzzo essendo proprio al confine con le Marche. La cittadina è una moderna stazione balneare e si trova sul litorale marino là dove la Val Vibrata si confonde nella pianura. Qui si intrecciavano le vie romane Salaria e Traiana, e vi sorgevano i centri romani di Truentum e Castrum Truentinum.

Sulla strada statale, è possibile visitare il Museo delle Armi Antiche, che si trova all’interno di una residenza aristocratica.

Proprio accanto, verso sud, troviamo Alba Adriatica. Giovane, la più giovane per età. Nata dalla separazione da Tortoreto Stazione nel 1956, è soprannominata e soprattutto conosciuta come la Spiaggia d’Argento,  per la sua sabbia che appare argentea alla luce del sole.  La città si è sviluppata soprattutto dal punto di vista turistico, con i suoi stabilimenti balneari, i suoi locali di intrattenimento, le feste, le manifestazioni. E’ attraversata da un lungomare molto apprezzato e da tre  pinete, sotto le quali è possibile rilassarsi e prendere un po’ di frescura.

Sempre andando verso sud si può ammirare Tortoreto. L’elegante cittadina, oltre ad avere un litorale particolarmente curato, si fregia di un bellissimo borgo medievale che si trova in alto e dal quale è possibile ammirare il panorama costiero. Tortoreto Alto è sede della rievocazione storica del Palio del Barone, manifestazione che si riallaccia ad antiche tradizioni del XIII secolo.

Il fiume Salinello delimita il confine con Giulianova, altra località molto rinomata per la sua spiaggia. Cittadina sempre all’avanguardia, lo dimostra il fatto che, nel  1873 qui nacque uno dei primi stabilimenti balneari.  Come Tortoreto, anche Giulianova si compone della parte litoranea e quella alta di Giulianova Paese un po’ più antica. Le sue origini risalgono al III sec. A.C. ed era denominata dai romani Castrum Novum. Dopo il compimento dell’unità nazionale Giulianova fu la prima città dello scomparso Regno delle Due Sicilie ad essere visitata il 15 ottobre 1860 dal re Vittorio Emanuele II, per onorare l’amicizia che lo legava agli Acquaviva.

A pochi km di distanza, sempre andando verso sud, si trova Roseto degli Abruzzi. Splendido territorio il cui nucleo originario medievale è il borgo antico di  Montepagano, sopra il colle che domina la costa, e che è conosciuto per l’estesa coltivazione di piante, tra cui le rose, da cui derivò il nome “Rosburgo” (Città delle Rose).

Nel comune sono presenti strutture di vario tipo, specializzate soprattutto nel settore turistico: alberghi, camping, stabilimenti balneari che si sono sviluppati già dall’inizio del Novecento. Infatti, l’industria turistica rappresenta la principale risorsa economica di Roseto.

Ci spostiamo poi a Pineto, la sesta sorella, il cui colore predominante è il verde dei suoi pini. Pineto infatti  deve il suo nome alla rigogliosa pineta presente sul litorale proprio  a ridosso del mare, che fu  fatta piantare da una illustre famiglia agli inizi del Novecento: la famiglia Filiani. Conosciuta per  le sue spiagge ed il suo mare, deve parte della sua fama anche alla Torre di Cerrano, prestigioso fortilizio edificato nel Cinquecento dal fascino indiscutibile.

Settima sorella (o prima se partiamo da sud), Silvi Marina, soprannominata la “Perla dell’Adriatico”, per la sua singolarità che la caratterizza dalle altre località situate sulla costa Adriatica.

La spiaggia di Silvi è tra le più blasonate dell’intera regione Abruzzo. Il mare è tra i più belli che abbia la costa teramana e lo stupefacente lungomare offre ai turisti una serie di  intrattenimenti estivi da non perdere. Anche Silvi può vantare la sua parte più antica nel borgo medievale di Silvi Paese posto su di un’altura a picco sul mare.

Con il suo splendido mare, le sue spiagge dorate e le sue sette sorelle il litorale teramano si conferma per il turismo balneare una delle mete più ambite e visitate d’Abruzzo.

Le sette sorelle sulla mappa

Sette sorelle per sette spiagge
5 (100%) 1 vote