fbpx

In Abruzzo, con la parola “tiella” si intende un tegame abbastanza grande o una teglia. Il tipo di recipiente, con il passare del tempo, è andato a sostituire l’originale nome “ciabotto, (ossia cicciotto, perché pieno e di struttura compatta) del piatto di cui vogliamo parlarvi.

La tiella può essere definita come la ratatouille abruzzese e, come per le scrippelle, è uno dei preziosi lasciti ereditati dalla dominazione francese sul territorio.

E’ un ricco e generoso contorno che può diventare tranquillamente piatto unico, adatto anche a vegetariani e vegani.
Anche se la cottura è in forno, è un piatto prettamente primaverile ed estivo, perché la stagionalità delle verdure ne garantisce la squisitezza del sapore e la bellezza dei colori.

Ricetta per la tiella

INGREDIENTI (x 8 persone)

  • Patate 1 kg
  • Peperoni 1kg
  • Pomodori 1 kg
  • Melanzane 1 kg
  • Zucchine 1 Kg
  • Cipolle 1 kg
  • Olio evo
  • Sale q.b.
  • (a piacere si possono aggiungere origano, prezzemolo e peperoncino)

Tagliare tutti gli ingredienti a fette sottili.

Cospargere il fondo di una teglia capace con olio evo.

A questo punto le verdure verranno disposte a strati senza essere mischiate tra di loro.

Ogni strato verrà cosparso da una quantità generosa di olio evo, sale ed eventuali odori.

Ripetere il procedimento fino ad esaurimento degli ingredienti ed infornare ad una temperatura medio/bassa per circa un’ora e ½ (indicativamente è di 160°, ma verificate la tenuta del vostro forno), in modo tale che i succhi che rilasceranno le verdure si ritirino, fino ad ottenere una cottura rosolata.

Si consiglia di servire tiepido, ma è ottimo anche freddo. Buon appetito

4.5/5 - (2 votes)