Siamo sulle colline di Tortoreto, in località Cavatassi. E’ una zona bellissima che offre una veduta privilegiata, in molti hanno scelto di costruirsi la casa qui: dev’essere molto suggestivo svegliarsi la mattina ed aprire gli occhi su un panorama così incredibile fatto di colline che dolcemente scendono al mare.

E’ una giornata ventosa di freddo pungente. Imbocchiamo una piccola mulattiera e per un istante ci sembra di essere un po’ fuori dal mondo: c’è solo paesaggio, sembra di essere i protagonisti di un’avventura. E poi, ecco che subito si apre uno scenario un po’ da fiaba: un tappeto pianeggiante di ulivi ci accoglie, l’istinto di togliersi le scarpe e mettersi a camminare, a correre e giocare come dei bimbi è molto forte.Olio Monaco_uliveti_01

Ci accoglie subito Simona, una giovane donna dal sorriso dolcissimo. Ci racconta la storia di questa azienda, fondata negli anni ’70 da suo suocero Ruggero Monaco, un veterinario che non aveva nessuna conoscenza in ambito agronomico ma che era profondamente innamorato dell’ulivo. Affidandosi all’esperienza dei contadini locali, il Dottor Ruggero decise di far impiantare parte dell’oliveto esistente, acquisendo le nozioni necessarie per dare il via a questa nuova esperienza.

DSC_3369_logo

Ed ecco che veniamo raggiunti anche da Mauro, figlio di Ruggero, marito di Simona: sorriso aperto, occhi che brillano di entusiasmo.

Subito ci mostrano con orgoglio il loro nuovo frantoio che è situato dentro una casetta di legno circondata da lavanda e da piante aromatiche: la sensazione di essere catapultati di nuovo dentro una fiaba è sempre più intensa. DSC_3367_logo
Mauro, con competenza e professionalità ci spiega il processo che va dalla raccolta delle olive fino all’imbottigliamento: hanno deciso di acquistare questi nuovi macchinari per chiudere definitivamente il cerchio, l’intera produzione è curata da loro con la macinazione delle olive che avviene entro dodici ore dalla raccolta tramite estrazione a freddo, in modo da garantire un olio extravergine di categoria superiore, ottenuto direttamente dalle olive ed unicamente mediante procedimento meccanico (Reg. CE 1019-2002).
Le cultivar che compongono l’oliveto sono il “Leccino”, il “Frantoio”, la “Dritta”, il “Pendolino”, la “Carboncella” ed il “Tortiglione”.

Mauro e Simona decidono di farci assaggiare il loro prodotto e qui comincia un’altra avventura, inizia un viaggio fatto di olfatto e di gusto. Ci introducono nella loro calda ed accogliente casa e ci sediamo a tavola.
Simona taglia il pane fresco, Mauro prende dei bicchierini con dentro diverse tipologie di olio: sembra di stare in famiglia.DSC_3372_pp_01_logo

Mauro ci spiega che l’olio è anche profumo e che per sprigionare a pieno il suo sentore, dobbiamo coprire il bicchiere con una mano e farlo roteare riscaldandolo con l’altra.

DSC_3374_logo

Iniziamo con gli oli mono varietali.

L’ Oliva Tenera Ascolana: è di grandi dimensioni (è quella con cui vengono realizzati i celeberrimi fritti Ascolani), caratterizzata da una bassa resa quantitativa, ma da un’altissima qualità. Attraverso i preziosi consigli di Mauro, riusciamo a captare sentore di pomodoro, immaginiamo di gustare una zuppa delicata o del pesce, ogni nota dirige la mente verso una pietanza.

Il Tortiglione: è la varietà autoctona tipica teramana, quella con il caratteristico tronco che si avvolge su se stesso a partire dall’età di 10-15 anni, molto lento nella crescita, è l’albero che siamo abituati ad incontrare nel nostro territorio. Una caratteristica degli uliveti di tortiglione dell’Azienda Agricola Monaco è la purezza delle piante che non sono state innestate con altre varietà, come fatto in passato nel resto dell’Abruzzo. Il sentore che emerge immediato è quello di erba e di carciofo, il gusto è inizialmente dolce ma arriva amarognolo alla fine: è l’olio “nostro”, è quel sapore che chiama la bruschetta, è quello che ti aspetti di assaggiare quando ti siedi a tavola. E’ casa.

La Dritta: è un’altra varietà tipicamente abruzzese, particolarmente presente nel territorio del pescarese e del chietino. Mandorla e carciofo sono i sentori predominanti, è ideale in abbinamento con zuppe di cereali, legumi e verdure, arrosti di carne.

E poi la volta degli oli aromatizzati e qui il viaggio diventa sempre più goloso: l’Olio al Basilico ti introduce nel mondo delle insalate, dei sughi, della pizza; l’Olio al Peperoncino – da vero abruzzese – ti fa venire in mente di accendere subito la “fornacella” per la grigliata e per gli arrosticini, o per uno spaghetto a mezzanotte con gli amici; l’Olio all’Arancia è da gustare con i dolci o sul gelato; l’Olio al Caffè chiude in bellezza e perfezione questo nostro incredibile viaggio alla scoperta di un’eccellenza del nostro territorio.DSC_3376_logo_01

Mentre degustiamo, chiacchieriamo e ci mangiamo pure le deliziose olive nere (sia quelle un po’ amarognole, sia quelle accompagnate dalla scorza di limone) a Mauro arrivano diversi messaggi dai suoi clienti sparsi in diverse zone d’Italia. Sono tutte parole di ringraziamento, è quasi ora di pranzo ed alcuni di loro stanno utilizzando l’Olio Monaco: gli raccontano cosa stanno cucinando, con quale pietanza lo abbineranno e quanto amano questo prodotto.DSC_3373_logo

A questo punto le domande arrivano davvero dritte e spontanee.

Dove vendete il vostro olio?
“Abbiamo clienti in tutta Italia, ma esportiamo anche all’estero. Abbiamo un rapporto diretto con il mercato e senza intermediari, con contatti spesso basati sul passa-parola: a volte tramite gli abitanti del posto, altre per mezzo dei turisti che ci hanno scoperti e ci hanno fatto a loro volta scoprire ad altri, altre per mezzo di esperti del settore che hanno recensito il nostro prodotto o utilizzato il nostro olio per fini didattici. E’ stato un tamtam che è partito da solo e continua a far scoprire la nostra Azienda.”

Come si acquista allora l’Olio Monaco?
“Sul nostro sito internet (www.oliomonaco.it) sono descritti i nostri prodotti, è possibile contattarci tramite cellulare (+ 39 347/6045821), inviando un’e-mail (monacolio@libero.it) o venendoci a trovare direttamente qui in Azienda.

Torniamo alla realtà e guardiamo l’orologio, il nostro viaggio è terminato. Fuori incomincia a nevicare, la prima neve dell’anno.
Abbracciamo e salutiamo Mauro, Simona ed il suo papà: queste splendide persone hanno fatto dell’amore e del rispetto per la natura la loro professione. Con il loro entusiasmo ci hanno fatto scoprire la bontà di un prodotto eccellente del nostro territorio che va assolutamente supportato e fatto conoscere. Non bisogna accontentarsi di prodotti dozzinali e di dubbia provenienza, è necessario leggere attentamente le etichette, acquistare – se possibile – prodotti del territorio, tutelare innanzitutto la nostra salute e promuovere il lavoro dei tantissimi bravi imprenditori locali che sono la ricchezza su cui fare leva per mostrare il vero volto della brava, lavoratrice e determinata gente d’Abruzzo.

logo

 

Olio Monaco_bottiglieOlio Monaco_uliveti

Ti è piaciuto?