Pineto è un comune di circa 15.00 abitanti che si estende sulle rive del Medio Adriatico, a 18 km circa a nord di Pescara, a 40 km a sud-est di Teramo, capoluogo della propria provincia di appartenenza, e a 200 km da Roma. Confina a nord con il comune di Roseto degli Abruzzi, a sud con il comune di Silvi e a ovest con quello di Atri. Deve la sua fama all’importante polmone verde costituito da una pineta storica che divide il centro urbano dalla spiaggia, più volte insignita della Bandiera Blu.

A nord la frazione di Scerne, più nota dopo l’insorgere di uno stupendo villaggio turistico e verso l’interno, sulla prima collina la frazione di Mutignano a cui si arriva percorrendo una meravigliosa panoramica ricca di vegetazione. Fino a tutti gli anni venti appartenne, sotto tale denominazione, prima al Comune di Atri, poi a quello di Mutignano. Nell’immediato primo dopoguerra si sviluppò notevolmente, tanto da divenire, con delibera podestarile del 30 maggio 1930, capoluogo del Municipio di appartenenza mutando il proprio nome in Pineto. Sul centralissimo Viale D’Annunzio si dispongono il Palazzo Municipale, la Chiesa di Sant’Agnese, con importanti opere del quattrocento e la Villa Filiani appartenuta alla stessa famiglia atriana che le da il nome (oggi aperta e visitabile, con una sala mostre). La Torre del Cerrano, una splendida vedetta sul mare, più volte ristrutturata fino al cinquecento, divide Pineto dalla vicina Silvi. Indiscutibile simbolo di Pineto, oggi è un importante centro di ricerca visitabile e domina uno specchio di mare che conserva sui fondali i resti di un porto antico. Le acque sono limpidissime e popolate di molluschi. Verso la collina, un vero monumento vegetale: il Parco Filiani che per volere della nobile famiglia di Atri fu realizzato con una innumerevole quantità di specie botaniche, tanto da costituire una vera opera della natura. Il litorale è percorso in tutta la sua lunghezza da una invidiabile pista ciclabile che rientra nel progetto “Corridoio verde dell’Adriatico”. La stessa pista, per il tratto coperto dalla pineta storica si presta a salutari passeggiate con vista mare. La naturale vocazione turistica ha permesso lo sviluppo di numerose attività ricettive. Da non perdere una visita alla vicinissima Atri, città d’arte e storia, ma anche preziosa per i panorami che scopre intorno a sé. Panorami da incanto anche nella vicina Silvi alta. Visitate la Torre di Cerrano, la vicina Mutignano, Casoli con i suoi murales.